La regola dei 5 secondi? Non è una bufala

0
346

Secondo una credenza popolare, il cibo caduto a terra rimane incontaminato da batteri se raccolto entro cinque secondi.

Al di là del fatto che raccogliere e mangiare del cibo che è appena caduto in terra tende a non essere un comportamento usuale sono state fatte alcune ricerche per capire se “la regola dei cinque secondi” fosse vera.

A confermare la tesi è arrivato il dottor Mike Meacham, ingegnere della Nasa che con un vassoio di biscotti alla mano ha spiegato il come e il perché della regola in un programma televisivo in onda su Discovery Channel.

Batteri-la-regole-dei-5-secondi-Probabilmente-funziona-620x372

La regola dei cinque secondi è quindi valida purché si facciano alcune, importanti, precisazioni.  

Molto dipende dal tipo di superficie e dal tipo di cibo caduto su di essa: “Gli alimenti umidi lasciati in terra per più di 30 secondi – spiega Meacham – raccolgono 10 volte i batteri dei cibi recuperati entro 3 secondi”.

L’escherichia coli, la salmonella e la listeria, avverte l’ingegnere, amano gli ambienti umidi perché ne assorbono l’acqua necessaria per crescere e moltiplicarsi e lo stesso discorso può essere ovviamente applicato anche in caso di superficie umida.

pile-potato-chips-isolated-white-61262372

Invece una superficie asciutta come ad esempio il pavimento di casa, la strada o addirittura un tappeto,  non sarà fonte eccessiva di problemi se si rispetteranno i canonici 5 secondi:badate bene, ci sarà sempre un piccolo gruppo di batteri che si anniderà immediatamente sul pezzo di cibo, ma minore sarà il tempo di ‘recupero’, minore sarà anche il rischio di incappare in qualche pericolo.

Condividi

Aggiungi un commento!



Articolo precedenteGli animali possono prevedere davvero i terremoti?
Prossimo articoloEcco perché sogniamo di cadere nel vuoto
Solco il mare del web da quando ho memoria, lo faccio con una barchetta di carta dalle vele di zucchero. Mi nutro di notizie e storie curiose, le pesco ogni giorno quando muore il sole. Non ho fretta di raggiungere la terraferma, del resto perché fermarsi a guardare il sole che nasce quando puoi andargli incontro?

ADS