Hotel Rigopiano: la telefonata che commuove

0
228

Il lavoro dei Vigili del Fuoco e delle squadre di soccorso impegnate nel salvataggio dei superstiti dell’albergo di Rigopiano ha generato un incredibile moto di gratitudine da parte del popolo del web e non solo.

Sono gli eroi nel dramma di Rigopiano, l’albergo in provincia di Pescara investito da una slavina. Lavorano senza sosta da giorni per salvare chi si trova ancora tra le macerie dell’hotel e lo fanno in condizioni difficilissime.

Vigili del Fuoco, Soccorso Alpino, Carabinieri, Esercito, Guardia di Finanza e Protezione civile, sono loro gli “angeli del ghiaccio” di questa tragedia. Mettono a rischio la loro vita e sono sul campo 24 ore su 24 facendo tutto il possibile per salvare quelle vite.

Rescue workers search in snow around the Hotel Rigopiano in Farindola, central Italy, which was hit by an avalanche, in this January 21, 2017 handout picture provided by Alpine and Speleological Rescue Team. Soccorso Alpino Speleologico Lazio/Handout via REUTERS.ATTENTION EDITORS - THIS IMAGE WAS PROVIDED BY A THIRD PARTY. EDITORIAL USE ONLY. NO RESALES. NO ARCHIVE.

I messaggi di solidarietà dalla rete non si contano più.

“Mi commuovo quando vedo come quegli eroi dei Vigili del Fuoco continuano disperatamente a scavare e trovare superstiti…EROI”.

“Eroici i soccorritori si fanno coraggio e lavorano senza tregua in condizioni altamente precarie!Siano benedetti,un abbraccio enorme e grazie!!”

“Un grazie a chi opera giorno e notte per noi, senza aver bisogno di apparire in televisione, chi rischia la propria vita per salvare altre vite,Grazie questi sono i veri uomini di cui l’Italia è fiera”

E poi c’è chi decide di chiamare la stazione dei Vigili del Fuoco per poterli ringraziare per il lavoro svolto. Cittadini che, guardando le immagini della tragedia, hanno sentito il bisogno di dire “grazie” a questi angeli.

Condividi

Aggiungi un commento!



Articolo precedenteLa vita in miniatura di Tatsuya Tanaka
Prossimo articoloIl carosello di ghiaccio
Solco il mare del web da quando ho memoria, lo faccio con una barchetta di carta dalle vele di zucchero. Mi nutro di notizie e storie curiose, le pesco ogni giorno quando muore il sole. Non ho fretta di raggiungere la terraferma, del resto perché fermarsi a guardare il sole che nasce quando puoi andargli incontro?

ADS