Zara e il topo trovato “cucito” nell’abito della donna

0
265

Pessimo ritorno di immagine per Zara, il colosso spagnolo di abbigliamento al centro delle critiche per aver venduto un abito in cui era stato (per errore, si intende!) “cucito” un topo. Scattata subito la denuncia.

Rendering. ZARA STORE 222 BROADWAY

La malcapitata si chiama Cailey Fiesel, 24 anni di New York. Aveva deciso di indossare il suo abito nuovo, comprato in saldo da Zara, per andare a lavoro ma dopo poco tempo ha iniziato a sentire un terribile odore.

Cailey ha capito che qualcosa non andava nel vestito ed ha iniziato a tastarsi per trovare la causa. Quando ha trovato un rigonfiamento in una delle cuciture del vestito ha capito che poteva esserci qualcosa ma non avrebbe mai creduto di poter fare una scoperta del genere.

Un topo in avanzato stato di decomposizione era stato cucito tra stoffa e fodera, alla vista di una zampa che spuntava dal vestito, Cailey è rimasta scioccata.

zara topo-2

Ha raccontato: “Ho iniziato a sentire un odore pungente e nauseante. Ho visto la zampetta uscir fuori dalla cucitura della scollatura. È stato davvero terrificante. Mi sono bloccata, ero completamente paralizzata dalla paura. Ero sotto choc perché, sebbene mi fossi resa conto che si trattava di un topo, il mio cervello si rifiutava di crederlo”.

Cailey, assistita dai suoi legali, ha denunciato Zara per danni non specificati. Gli avvocati contano sull’obbligo del rivenditore di garantire prodotti esenti da difetti, compresa l’infestazione di roditori.

Intanto il noto marchio spagnolo ha fatto sapere che è al corrente dell’accaduto: “Zara ha rigorosi standard di sicurezza e ci impegniamo a garantire che tutti i nostri prodotti soddisfino requisiti rigorosi”.

ADS