Pisner: la birra prodotta usando la pipì dei fan di Roskilde

0
241

50mila litri di urina raccolti durante RoskildeFestival in Danimarca usati per produrre nuova birra

Pisner (1)

E’ un po il cerchio della vita che si compie: fiumi di birra che inesorabilmente si trasformano in urina che, grazie ad un’azienda danese, tornano ad essere di nuovo birra. Un prodigio!

Durante l’edizione 2015 del Roskilde Festival, uno dei più grandi festival musicali del vecchio continente, sono stati installati particolari orinatoi che promettevano di riciclare l’urina per produrre nuova birra.

Pisner (2)

La Pisner è una birra prodotta dal birrificio Nørrebro Bryghus i cui campi di orzo sono stati concimati con i 50mila litri di urina prodotta durante i giorni di Festival.

Henrik Vang, amministratore delegato del birrificio ha dichiarato: “Quando hanno iniziato ad essere pubblicate le prime notizie relative alla produzione della Pisner, molte persone hanno subito pensato che filtrassimo l’urina per metterla direttamente nella birra. Ovviamente ci siamo fatti una bella risata!

 

Condividi

Aggiungi un commento!



Articolo precedenteDownhill: l’orso sbuca all’improvviso dal bosco
Prossimo articoloDormire nudi è meglio, lo raccomanda la scienza
Solco il mare del web da quando ho memoria, lo faccio con una barchetta di carta dalle vele di zucchero. Mi nutro di notizie e storie curiose, le pesco ogni giorno quando muore il sole. Non ho fretta di raggiungere la terraferma, del resto perché fermarsi a guardare il sole che nasce quando puoi andargli incontro?

ADS