Sanremo: i momenti migliori della seconda serata di Festival

0
164

Giorgia illumina il palco di Sanremo con la sua voce. La De Filippi si prende il bacio di Robbie Williams mentre Carlo Conti discute di calcio con Totti

festival di Sanremo (3)

Ancora buoni i numeri della seconda serata del Festival della canzone italiana anche se non scoppiettanti come la prima. Ad aprire la kermesse i primi quattro giovani in gara. In rapida successione si esibiscono, affrontano il televoto e sono mandati a letto in fretta e furia. Per la cronaca arrivano in finale Francesco Guasti con “Universo” e Leonardo Lamacchia “Ciò che resta”.

Queen Mary sembra già a suo agio, gioca con il pubblico, mangia caramelle, insomma si è ambientata in fretta. La gara dei big parte con Bianca Atzei e l’appassionato Masini poi arriva il “Pupone” nazionale che commenta con Carlo Conti il 4-0 della Roma contro la Fiorentina e si lancia nella presentazione di un artista in gara (Francé lascia perdere!)

festival di Sanremo (7)

Momento serietà con un dipendente pubblico, Salvatore Nicotra, che in 40 anni non si è mai assentato per malattia dal lavoro. L’uomo ha lanciato un monito ai cosiddetti furbetti del cartellino: “Prima di assentarvi senza motivo, riflettete molto. Fatelo per i milioni di giovani precari” .

La serata fila liscia tra le esibizioni dei big in gara, i monologhi del pungente Crozza e l’intervista tutta da vedere a Francesco Totti. Arriva l’ex Take That Robbie Williams ad infiammare il pubblico femminile di Sanremo ed a rubare un bacio alla De Filippi che, poraccia, sembra non gradire!festival di Sanremo (6)festival di Sanremo (5)

Poi un lampo, una luce incredibile, è Giorgia, il super ospite della serata. Canta il suo ultimo singolo “Vanità” poi si lancia in un medley dei suoi successi sanremesi “E poi – Come saprei -Di sole e d’azzurro” . Con la voce fa quello che vuole e sembra essere tornata sul palco che la lanciò proprio per ribadirlo. In Italia è la migliore. Punto.

festival di Sanremo (2)
La serata prosegue ma il resto è poca roba. L’intervista incolore della De Filippi a Keanu Reeves e lo spettacolino, diciamocelo, un po triste del trio Cirilli-Insinna-Brignano non meritano molte parole.
La sensazione sempre più forte è che il livello della competizione canora sia inadeguato per lo show messo in piedi da un Carlo Conti impeccabile, sempre sul pezzo e mai inopportuno ed è un vero peccato.
Condividi

Aggiungi un commento!



Articolo precedenteLe chiede la mano davanti a Celine Dion
Prossimo articoloFoto di coppia anche se sei single
Solco il mare del web da quando ho memoria, lo faccio con una barchetta di carta dalle vele di zucchero. Mi nutro di notizie e storie curiose, le pesco ogni giorno quando muore il sole. Non ho fretta di raggiungere la terraferma, del resto perché fermarsi a guardare il sole che nasce quando puoi andargli incontro?

ADS